il_chiururgo tecnologia_laser indicazioni invecchiamento domande_risposte galleria_fotografica sedi_operative prodotti contatti


MEDICINA ESTETICA
(pag.2)

:: tossina botulinica: prodotta in condizioni di anaerobiosi ovvero in assenza di ossigeno dal clostridium botulinii, e' responsabile della patologia nota come botulismo i cui primi studi sulla sintomatologia risalgono al 1817.
Utilizzata inizialmente per il trattamento delle ipercinesie muscolari soprattutto a carico del globo oculare come ad esempio nello strabismo, il suo uso si e' poi esteso anche in campo estetico con il trattamento delle rughe glabellari a partire dal 1990 grazie agli studi dei coniugi Carruthers, che ampliarono progressivamente l'area di utilizzo alla muscolatura mimica del terzo superiore del volto.
In Italia la liberalizzazione al suo utilizzo nell'ambito della Medicina Estetica, ha avuto una gestazione piuttosto lunga e complessa, con una legislazione tutt'ora in fase di studio ed utilizzo limitato ufficialmente al solo trattamento della regione glabellare.
Il meccanismo di azione si esplica attraverso la penetrazione all'interno della terminazione cellulare assonica, delle subunita' di tossina con conseguente blocco della liberazione del neurotrasmettitore ovvero dell'acetilcolina a livello della giunzione neuromuscolare e conseguente blocco della contrazione della fibra muscolare. Azione questa non immediata e di tipo indiretto che si evidenzia dopo circa quattro-cinque giorni. Gli effetti del farmaco sono piuttosto duraturi potendo arrivare sino a quattro mesi con progressivo ritorno della funzione sinaptica neuromuscolare alla situazione iniziale, essendo quindi gli effetti completamente reversibili.
La relativa semplicita' di applicazione e la bassa incidenza di effetti collaterali, rendono questo farmaco oltre che sicuro, anche molto popolare con un continuo aumento della sua richiesta da parte dei pazienti.
Tecnica minimamante invasiva eseguibile ambulatorialmente con la somministrazione della tossina opportunamente diluita con soluzione fisiologica attraverso piccoli pomfi praticati con ago da insulina sulla superficie interessata. Possibile la sensazione di bruciore al momento della inoculazione peraltro di rapida scomparsa. Possibili anche arrossamenti o una leggera sensazione di dolore. Rare le ecchimosi.
Necessario un franco colloquio con il paziente che deve ben comprendere vantaggi e limiti della procedura. Possibili piccoli ritocchi ai fini dell'ottimizzazione del risultato, praticabili dopo circa una settimana.
Può essere valido l'utilizzo di soluzioni complementari per la correzione degli inestetismi quali le infiltrazioni di fillers o trattamenti con Laser ablativi o soft-Laser, valutabili al momento di massima efficacia del prodotto.
Prodotto utilizzato : Tossina di sierotipo A Vistabex® Allergan Inc, Irvine, CA.

<---- precedente------segue ---->