il_chiururgo tecnologia_laser indicazioni invecchiamento domande_risposte galleria_fotografica sedi_operative prodotti contatti


INDICAZIONI
(pag.2)

:: Epilazione permanente: il concetto di epilazione permanente va chiarito, in quanto tutti i trattamenti con luce artificiale, sia che si tratti di Laser o Luce pulsata, non distruggono il bulbo pilifero, ma lo surriscaldano, pertanto in caso di mancate sedute di mantenimento, è possibile la ricrescita del pelo in un lasso di tempo variabile da sei mesi all'anno. In alcuni casi, per effetto della termolisi selettiva, è possibile in effetti il blocco permanente della crescita, ma si tratta di localizzazioni casuali, dovute all'effetto termico che in alcuni peli può essere eccessivo. Il meccanismo d'azione, è simile per luci pulsate o laser e cioè un'azione sulle regione più carica di melanina ovvero il centro germinativo del bulbo pilifero. Il pelo che meglio risponde alla luce artificiale, è quello in fase di crescita (anagen), in quanto più carico di pigmento. Il ciclo di trattamenti comprende un numero di sedute variabile da 8 a 10, distanziate di venti giorni circa. Si consiglia di effettuare eventuali cerette o depilazioni con rasoio, almeno una settimana prima del trattamento. Evitare la esposizione solare e nel caso di abbronzatura, aspettare almeno un mese prima di iniziare le sedute. I fototipi più scuri sono potenzialmente più a rischio per eventuali discromie. In studio presente apparecchio a luce pulsata Elora della Lumenis.

:: Radiofrequenza: Si basa sulla legge fisica della modificazione del campo elettrico della zona trattata con un cambio della carica elettrica espressa in ohm e dal movimento degli ioni e dell molecole con produzione di calore, espressa in joule. La profondità ed il grado dell' effetto termico, dipendono dalla capacità conduttive del tessuto trattato, per cui quelli dotati di maggior impedenza quale ad esempio il tessuto adiposo, producono maggior calore, che può arrivare sino alla fascia muscolare. Agisce tonificando la cute e le fasce muscolari ma con scarso effetto sulle rughe.

:: Veicolazione Transdermica: Metodo di infiltrazione, che consente il trasporto di principi attivi anche di elevato peso molecolare a diverse profondità, attraverso una aumentata permeabilità di membrana a seguito dell'utilizzo di impulsi elettrici pulsati di bassa intensità, con modificazione della membrana cellulare e creazione di canali interstiziali che permettono il passaggio di molecole attraverso la barriera dermo-epidermica, con il raggiungimento delle cellule bersaglio che a seguito del gradiente osmotico captano ed utilizzano le sostanze veicolate (Ac. ialuronico, D.M.A.E., oligopeptidi, vitamine etc.).

<---- precedente------segue ---->