il_chiururgo tecnologia_laser indicazioni invecchiamento domande_risposte galleria_fotografica sedi_operative prodotti contatti


CHIRURGIA ESTETICA
(pag.1)

:: mastoplastica additiva: intervento chirurgico che prevede l'inserzione di una coppia di protesi mammarie in posizione retro o sovra muscolare con riferimento al muscolo gran pettorale. L'incisione di approccio è generalemente periareolare (intorno al capezzolo), ma sono possibili anche incisioni a livello del solco mammario o del cavo ascellare. Le protesi più comunemente utilizzate sono costituite da un involucro di silicone contenente un gel di silicone ad alta coesività, con profilo medio, alto o a goccia. Diversi i volumi, che vanno concordati con la paziente. Intervento eseguibile in anestesia generale con dimissione nelle 24 ore.

click per visualizzare

:: mastoplastica riduttiva: intervento di riduzione del parenchima mammario, accompagnato da un riposizionamento del complesso areola-capezzolo in posizione adeguata. La lunghezza e la forma delle cicatrici variano in funzione della ptosi, cioè dello scivolamento della ghiandola mammaria sulla superficie del torace. Generalmente le cicatrici hanno forma verticale, a "L" o in "T". Intervento eseguibile in anestesia generale con dimissione nelle 24 ore.

:: addominoplastica: intervento di asportazione di una losanga cutaneo-adiposa della regione addominale eventualmente accompagnata da un riposizionamento dell'ombelico ed una sintesi della muscolatura retta addominale. La cicatrice è in posizione sovrapubica facilmente mascherabile da un costume da bagno. Utile una guaina addominale modicamente compressiva evitando sforzi nei primi venti giorni. Intervento eseguibile in anestesia generale con dimissione nelle 24-48 ore.

:: face-lift: intervento di correzione del rilassamento cutaneo del volto attraverso un'incisione pre-auricolare che si continua posteriormente contornando il lobo dell'orecchio. Permette uno stiramento meccanico della cute con plicatura della struttura muscolo-aponeurotica sottostante per creare uno stiramento armonico delle strutture sottostanti. Medicazione compressiva da tenersi cinque sei giorni. Intervento eseguibile in anestesia generale o, per incisioni ridotte, in anestesia locale con sedazione.

<---- precedente------segue ---->